Solidamente_home_logo_kanguros.png
Logo_Solidamente_def.png

SOVRAINDEBITAMENTO

Kanguro's Family Point, attraverso i propri team di professionisti e imprese con competenze specialistiche negli ambiti legale, fiscale e contabile, svolge attività di consulenza ed assistenza al soggetto sovra-indebitato nell'interlocuzione con l'Organismo per la Gestione della Crisi (O.G.C.), precipuamente coadiuvandolo nell'analisi preparatoria alla predisposizione della misura di gestione della crisi (piano, accordo o liquidazione) ritenuta maggiormente congeniale ed all'accesso alla procedura disciplinata dalla Legge n°3/2012

Lo Sportello di consulenza nella gestione della crisi da sovra-indebitamento svolge i seguenti servizi:

1) Informativo: sui contenuti della l. 3/2012 e sulle procedure di esdebitazione da essa introdotte;

2) Check-in preliminare: sulla situazione del soggetto sovraesposto e relativa accessibilità alla procedura di composizione della crisi disciplinata dalla legge;

3) Istruttorio e tecnico: raccolta del documentazione di supporto e predisposizione del progetto di piano od accordo volti all'avvio dell'iter procedurale previsto dalla legge;

4) Interlocuzione con l'O.G.C.: assistenza del soggetto sovraesposto, nella relazione con l'O.G.C., in funzione del corretto svolgimento della procedura di composizione della crisi.

La Legge 27 gennaio 2012, n.3 (c.d. Legge sul “sovra-indebitamento”) consente ai soggetti non fallibili in gravi difficoltà economiche (come professionisti, piccoli imprenditori o piccole società artigiane, enti del terzo settore) di avviare una procedura avanti il Tribunale volta a conseguire la liberazione integrale dai propri debiti (anche tributari) attraverso la ristrutturazione dell’esposizione debitoria complessiva. L'obiettivo è quello di far riacquistare alla persona sovra-indebitata un ruolo attivo nell’economia e senza restare schiacciato dal carico dell’indebitamento preesistente.

La Legge n.3/2012 configura tre diverse procedure di composizione delle crisi: il piano del consumatore, l’accordo di ristrutturazione dei debiti e la procedura di liquidazione del patrimonio.

  • IL PIANO DEL CONSUMATORE, dedicato ai privati consumatori (coloro che hanno assunto obbligazioni esclusivamente per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta), consiste in una proposta di pagamento rateizzato dei debiti e/o lo stralcio della complessiva esposizione debitoria, con l'eventuale cessione di una parte del patrimonio.

  • L’ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI, può essere presentato da enti e imprese non fallibili e, diversamente dal Piano, deve essere accettato da tanti creditori i quali rappresentino almeno il 60% di tutti i debiti del soggetto.

  • LA PROCEDURA DI LIQUIDAZIONE DEI BENI, costituente la misura di chiusura della L.3/2012, attraverso la quale il debitore (privato o soggetto non fallibile) mette a disposizione tutto il suo patrimonio (eccettuati una sfera di beni intangibili in quanto impignorabili, ovvero di carattere alimentare etc. nonché i redditi nei limiti di quanto occorre mantenimento della famiglia, così come stabilito dal Giudice) a prescindere dalla sua effettiva consistenza, per far fronte al pagamento dei suoi debiti.

Il procedimento si svolge sotto il controllo del Tribunale chiamato ad omologare l’accordo o il piano. L’omologazione produce effetti esdebitatori (beneficio della liberazione dei debiti non onorati).

T. +39 02 12345678

F. + 39 02 12345678

Fallow me

  • Facebook
  • Instagram

V.le Regina Margherita, 4

2122 Milano